Punctum

Spesso, se non sempre, non veniamo coinvolti da una fotografia, ma da una singola porzione di essa, anche minima. Questa porzione emerge dalla nebbia dei pensieri e delle esperienze, si mette a fuoco da sé, entra nell’anima prima ancora che negli occhi: è il PUNCTUM.
«Il “punctum” di una fotografia è quella fatalità che, in essa, “mi punge” (ma mi ferisce, anche, mi afferra)…»
[Roland Barthes – La chambre claire, 1980]